DEGRADO SOCIALE E CULTURALE

Il carnevale è una festa che si celebra nei paesi di tradizione cristiana (ed in modo particolare in quelli di tradizione cattolica).
Tradizionalmente nei paesi cattolici, il Carnevale ha inizio con la Domenica di Settuagesima (la prima delle sette che precedono la Settimana Santa secondo il calendario Gregoriano); finisce il martedì precedente il Mercoledì delle Ceneri che segna l’inizio della Quaresima. La durata è perciò di due settimane e due giorni. Il momento culminante si ha dal Giovedì grasso fino al martedì, ultimo giorno di Carnevale (Martedì grasso). Questo periodo, essendo collegato con la Pasqua (festa mobile), non ha ricorrenza annuale fissa ma variabile. Per questo motivo i principali eventi si concentrano in genere tra i mesi di febbraio e marzo.
Per la Chiesa cattolica il Tempo di Carnevale è detto anche Tempo di Settuagesima. Essa considera il Carnevale (Settuagesima) come un momento per riflettere e riconciliarsi con Dio. Si celebrano le Sante Quarantore (o carnevale sacro), che si concludono, con qualche ora di anticipo, la sera dell’ultima domenica di carnevale.
I festeggiamenti si svolgono spesso in pubbliche parate in cui dominano elementi giocosi e fantasiosi; in particolare l’elemento più distintivo del carnevale è la tradizione del mascheramento.
Benché facente parte della tradizione cristiana, i caratteri della celebrazione carnevalesca hanno origini in festività ben più antiche che, ad esempio nelle dionisiache greche e nei saturnali romani, erano espressione del bisogno di un temporaneo scioglimento degli obblighi sociali e delle gerarchie per lasciar posto al rovesciamento dell’ordine, allo scherzo ed anche alla dissolutezza.
Stando a questo, viene fuori l’enorme emergenza di degrado sociale e culturale, che affligge la gente di Badolato . Eppure non sono passati secoli da quando la parrocchia organizzava la tradizionale, partecipatissima e soprattutto vissuta sfilata di carnevale,da allora saranno passati al massimo quindici anni. Non che a quella di quest’anno, non ci sia stata partecipazione, certo i residenti e domiciliati a Badolato in questi quindici anni sono drasticamente diminuiti,infatti il punto non è questo. Come può una sfilata di carnevale avere al massimo il 5% delle persone travestite.
Prima che sia troppo tardi, sarebbe opportuno che le forze politiche in concomitanza con le scuole e tutti gli educatori sociali della comunità badolatese si unissero per fronteggiare l’ormai enorme degrado sociale e culturale della propria gente.
Erano per giunta quasi tutti ragazzini? Il carnevale è tradizione. Non ci siamo sempre vantati, noi badolatesi ti tenerci così tanto alle tradizioni? Bhe mi sembra così evidente che ormai non ci interessano nemmeno più le tradizioni.
.
Rossodisera

Annunci

6 Responses to DEGRADO SOCIALE E CULTURALE

  1. nottebuia ha detto:

    ma tu ca si bonu sulu u critachi…vistu ca sini a badolatu, pecchì on ti vestisti? pecchi on facisti nu carru?…

  2. rossodisera ha detto:

    pecchi purtroppo non sento lo spirito del carnevale ,e come io la stragrande maggioranza di badolato, lo denota la scarsissima presenza di mascherati……… bisogna solo capire perchè io e questa stragrande maggioranza non abbiamo sentito lo spirito del carnevale …………… io credo di averlo capito adesso dimmi tu secondo te il perchè………..?

  3. francesco teresa loguercio ha detto:

    speramu ca a pasqua aumentanu i costumi….
    comunque ROSSO DI SERA ormai e’ tardi….e ca’ essendo “vecchiarerhu” le idee giungono sempre in ritardo.

    pero’ non sarebbe stato male nel carnevale sfruttare i costumi rispecchiando i problemi che ci perseguitano nel basso jonico e soprattutto nel nostro paese….

    non so, forse una buona organizzazione avrebbe potuto far sorridere sarcasticamente il nostro piccolo popolo

    esta ca’ eu on ni movu mai da chiazza do fossu

  4. rossodisera ha detto:

    ‘nci mancarria ca u santu sabatu mancanu ………… cola poi si arraggia si succeda na cosa e chissi, poi cu u senta?cmq il problema non è questo………………………………….

  5. nottebuia ha detto:

    pekì o nu sacciu…magari si mu dici!!!!!!
    parri e spirito??? e tu u spiratu u fai ncuna cosa quandu a mai u ntisi???sai chi ti dicu?! cangia testa

  6. rossodisera ha detto:

    EU ON CANGIU PROPRIU TESTA ………. CANGIALA TU!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: